Psicogenealogia

La psicogenealogia è un approccio terapeutico che si riferisce ai dati genealogici e all’impatto psicologico sui propri discendenti.

Questa disciplina meravigliosa ci rivela:

  • la ripetizione di eventi generatori di fedeltà comportamentali inconsce nel discendente
  • i “non detti” e segreti di famiglia
  • riposiziona tutti i membri dell’albero al proprio posto malgrado l’eventuale scomparsa (abbandono, aborto spontaneo, morti alla nascita, aborto volontario..)

La maggior parte delle problematiche analizzate in psicogenealogia si basano sulle così dette lealtà familiari. Gli schemi si ripetono finché un discendente trova la possibilità di fermare questa storia. È l’anello che modificherà la catena!  Le memorie frenanti che si esprimono nella vita del discendente sono di origini multiple tale, l’impatto dei nomi, l’abbandono, le memorie di crimine, d’incesto, di disamore, di silenzio, di suicidio, le cadute sociali e tante altre che impattano direttamente sulla sfera sentimentale, lavoro, carriera, benessere fisico, psichico etc.

Affrontando queste memorie negative, l’individuo ha la possibilità di liberarsi di tutto questo peso familiare inconscio e di apportare pace a tutti gli antenati che non hanno potuto farlo.

Per fortuna, l’albero genealogico trasmette anche memorie positive che si traducono con potenziali, passioni, doti e altro.

Gli obiettivi della psicogenealogia:

  • Prendere coscienza dei meccanismi familiari
  • Liberarsi da influenze familiari disagevole
  • Vivere finalmente la propria vita

Stupore e comprensione sono le parole maestre di un’avventura, un immenso viaggio dai nostri antenati che ci permette una riconnessione alle radici e di far circolare nuove energie fatte di Amore, tolleranza e pacificazione.

TarifFE

 Seduta
con realizzazione del genososciogramma

Durata : 1h/1h30

80€

Sedute successive

Durata : 1h

65€

 

Membro della comunità internazionale di psicogenealogiaCommunauté Internationale de Psychogénéalogistes

Ciò che viene taciuto alla prima generazione,
la seconda lo porta nel suo corpo.

– Françoise Dolto –